Allergia alimentare? Potrebbe dipendere dalla pelle…

Scritto da Barbara il 21/11/2016 – 19:15 -

Perché le allergie alimentari sono in costante aumento tra i bambini? Solo negli Usa si verifica un caso di questo tipo di allergia ogni 13 bambini, e l’incidenza è in aumento. A domandarselo sono stati i ricercatori di un ospedale pediatrico di Chicago, autori di un interessante studio che ha coinvolto 1359 soggetti, dalla nascita fino ai 21 anni, appena pubblicato su Allergy and Asthma Proceedings.
I ricercatori hanno voluto approfondire il ruolo della cosiddetta Ipotesi dell’igiene. Ossia quella tesi che in questi ultimi anni si è imposta per spiegare l’aumento delle allergie infantili. In soldoni, secondo questa tesi un eccesso di igiene non consentirebbe al sistema immunitario dei piccoli di entrare precocemente in contatto con i germi. Questa mancanza di “allenamento” da parte delle difese immunitarie aumenterebbe il rischio di sviluppare le reazioni allergiche che sono mediate, appunto dal sistema immunitario. Tornando alla ricerca in questione, gli studiosi hanno rilevato che, più dell’ipotesi dell’igiene, ci sono due fattori che sembrano proteggere o meno dalla comparsa di allergie alimentari (mentre si è confermata la forte relazione tra ipotesi dell’igiene e asma). E questi sono: il numero dei fratelli (più sono e meno si verificano allergie alimentari) e la mancanza di infezioni della pelle o di eczema. In effetti i bambini  con precoci problemi dermatologici si sono rivelati più esposti alle allergie alimentari.  “I nostri risultati supportano l’ipotesi che la sensibilizzazione nei confronti di alcuni alimenti potrebbe iniziare con l’esposizione attraverso la pelle. Una scoperta che potrebbe avere degli sviluppi per la prevenzione delle allergie alimentari“, ha dichiarato  Ruchi Gupta, pediatra e primo firmatario dello studio. In attesa che la ricerca scientifica trovi maggiori evidenze, prestare più attenzione alla delicata pelle dei nostri bebè può essere un primo passo…


Tags: ,
Postato in Diete per bambini, News | Nessun commento »

Aggiungi un commento