Studio presenta nuova dieta per malattie croniche intestinali

Scritto da Barbara il 30/12/2016 – 12:28 -

Può una particolare dieta da sola essere utile per trattare il morbo di Crohn e la colite ulcerosa? A questa domanda ha cercato di rispondere David Suskind, un pediatra gastroenterologo di Seattle che ha messo a punto un particolare regime alimentare studiato per facilitare la remissione delle fasi acute nei giovanissimi che soffrono di malattie intestinali croniche.  Sia il Crohn, che la colite ulcerosa, difatti, alternano periodi di silenzio a periodi nei quali si manifestano con una intensa sintomatologia a livello intestinale. Dunque, nello studio appena pubblicato sul Journal of Clinical Gastroenterology, Suskind presenta la sua “dieta” denominata Specific Carbohydrate Diet (SCD), che si caratterizza per l’assenza di cereali, latticini, cibi elaborati e zuccheri, fatta eccezione per il miele. La dieta promuove solo alimenti naturali ricchi di sostanze nutritive e comprende verdura, frutta, carne e frutta secca. L’obiettivo della  SCD è quello di correggere le disbiosi  intestinali tipiche di questi pazienti (che presentano, in altre parole, un microbioma alterato a causa della  loro condizione) facilitando, di conseguenza, la remissione dai sintomi.  Nel piccolo (ma importante) studio in questione per un periodo di 12 settimane un gruppetto di ragazzi dai 10 ai 17 anni con Crohn o colite ulcerosa hanno seguito la SCD. Alla fine del periodo 2 ragazzi hanno abbandonato lo studio e altri 2 non hanno mostrato miglioramenti. Però i restanti 8 ragazzi hanno mostrato una notevole riduzione degli indici di infiammazione, e un concomitante cambiamento del microbioma fecale. Ovviamente gli autori dello studio sottolineano che ulteriori studi prospettici saranno necessari per valutare appieno la sicurezza e l’efficacia di questa terapia dietetica nei pazienti affetti da malattie croniche intestinali. Va ricordato che oggi la terapia per queste patologie è prevalentemente farmacologica e il ruolo dell’alimentazione è stato fortemente ridimensionato se non annullato. Questo studio, invece, riporta la dieta in primo piano. Aspettiamo con ansia i prossimi sviluppi…


Tags:
Postato in Diete per bambini, News | Nessun commento »

Aggiungi un commento