Tempo di diete: scoperta proteina che stimola appetito

Scritto da Barbara il 03/05/2017 – 17:34 -

Negli ultimi decenni la  comprensione dei meccanismi che attivano o inibiscono il senso di fame o di sazietà è notevolmente aumentata, e questo nuovo studio giapponese pubblicato su Endocrinology aggiunge un interessante nuovo tassello al mosaico che si sta componendo. Fino a oggi si sapeva che la leptina – un ormone rilasciato dal tessuto adiposo – è in grado di ridurre l’appetito, mentre la grelina – un altro ormone rilasciato dall’apparato digestivo, stimola la voglia di mangiare. Questi due ormoni, a loro volta, ne stimolano altri a livello dell’ipotalamo, considerato il “centro di controllo energetico” del nostro organismo. Ebbene, i ricercatori dell’Università di Hiroshima, autori del lavoro in questione, hanno identificato una nuova molecola, chiamata NPGL (neurosecretory protein GL) la cui azione aumenta tantissimo quando i livelli di energia forniti dai cibi sono bassi (ossia si mangia poco) stimolando fortemente l’appetito. Al contrario, quando si mangia troppo, con un conseguente sovraccarico energetico, la NPGL non si fa sentire. Probabilmente la funzione di questa proteina è quella di “costringerci”, attraverso lo stimolo della fame, a mantenere un introito energetico sufficiente per mantenerci con un metabolismo e con un peso stabile (e anche di mantenerci in vita). Non va dimenticato che, per migliaia di anni, era la carenza di cibo – non l’abbondanza – uno dei maggiori problemi per la sopravvivenza dell’homo sapiens
In attesa che se ne sappia di più, che indicazione seguire quando si ha bisogno di dimagrire? Certamente che bisogna evitare un stile alimentare che “affami” e che serve molto di più seguire una dieta bilanciata e ricca di alimenti naturalmente sazianti, come i cereali integrali, gli ortaggi, la frutta a guscio… Prendendo spunto da una delle nostre tante ricette, come lo speciale riso colorato della foto.


Tags: ,
Postato in Diete dimagranti, News, Sos dietista | Nessun commento »

Aggiungi un commento