Nuova ricerca rivela gli orari ideali dei pasti per non ingrassare

Scritto da Barbara il 23/10/2017 – 18:45 -

Se il vostro pasto preferito è la cena, non sono buone notizie. Un lavoro da poco pubblicato sul prestigioso The Journal of Nutrition ha approfondito il rapporto che esiste tra numero e orario dei pasti quotidiani e body mass index (BMI, ossia indice di massa corporea, che è il rapporto tra peso e altezza: più è alto e più si è pesanti). E le risultanze hanno confermato l’evidenza che cene abbondanti e bilancia non vanno d’accordo e che sarebbe meglio nutrirsi in altri momenti della giornata.

Più precisamente i ricercatori hanno analizzato i dati di un grande studio di popolazione che riguarda oltre 50mila adulti nordamericani, tutti appartenenti alla comunità della Chiesa avventista del settimo giorno, per un arco di tempo di ben sette anni. Questa comunità è studiata anche perché si caratterizza per condurre uno stile di vita e un’alimentazione più salutare rispetto alla media americana. In soldoni, i ricercatori hanno incrociato i dati che riguardavano il numero dei pasti e degli spuntini, gli orari durante i quali venivano consumati, e i cambiamenti di peso di tutti i soggetti esaminati (tutti sono stati pesati all’inizio e alla fine del periodo).

Ecco riassunti i risultati principali.
1 I partecipanti che hanno consumato uno-due pasti al giorno hanno un BNI inferiore rispetto a quelli che mangiano tre pasti al giorno.

2 Chi preferisce come pasto principale la prima colazione oppure il pranzo, e assume una cena leggera, ha un BMI minore rispetto a chi sceglie la cena come pasto più robusto del giorno.

3 Più lungo era l’intervallo di ore di digiuno tra la cena e la prima colazione, e più era presente un BMI basso.

4 Chi ha l’abitudine di fare degli spuntini durante il giorno, ha un BMI superiore di chi mangia meno spesso. Con l’eccezione di chi salta la prima colazione: in questo caso i digiunatori hanno un peso superiore rispetto a chi si ristora al risveglio.

Va ricordato che lo studio Usa è puramente osservazionale, e non è suo compito individuare le cause. Tuttavia i suggerimenti che ne escono, ossia quello di preferire per saziarsi la prima colazione o il pranzo, di abituarsi a consumare cene più piccole  e abbastanza presto, possano risultare tutti insieme una strategia efficace per gli adulti per mantenere un peso sano nel tempo. Il che si traduce anche in più salute.


Tags: ,
Postato in Diete dimagranti, News, Sos dietista | Nessun commento »

Aggiungi un commento